Seminare e raccogliere

sembrar y cosechar sow and reap seminare e raccogliere

Oggi potresti raccogliere quello che tempo fa, forse senza accorgersene, potresti seminare. Così è successo a Roberto quando meno se lo aspettava. Era senza nessuno che lo aiutasse e senza soldi per tornare nella sua provincia. Era stato rubato ore prima. A volte era sopraffatto dall’angoscia. Non sapeva cosa fare. Inoltre, a Buenos Aires era uno sconosciuto. In quel momento buio, tutto ciò a cui pensava era di dover passare la notte a dormire per strada e vedere come il sole l’avrebbe colpito di testa in faccia.

Si stava già preparando per sistemarsi a terra, quando Roberto udì una voce amica: “Professore Rossi?” Gli sorrideva un giovane in divisa da pilota. Non dirmi che sei il professor Rossi, di Calamuchita … Il mondo è un fazzoletto, non ti ricordi di me? Sono Martín … Martín Costa. Ti ricordi di me? -L’insegnante non ha lasciato il suo stupore. Il giovane si avvicinò, lo aiutò a raccogliere le sue cose e continuò a parlare, senza sosta, come una cascata che si dirige verso il fiume. Dai, andiamo a bere qualcosa insieme e dimmi che succede nella tua vita e cosa stai facendo …- parlandogli con un sorriso gentile sul volto. Erano entrambi eccitati da quanto stava accadendo.

La memoria

Mentre facevano qualche spuntino e parlavano, ricordavano storie di due decenni fa. Martín gli ricordò che era stato uno studente in cui nessuno credeva. Tutti hanno previsto che sarebbe stato un fallimento. Solo lui – come educatore – credeva nel ragazzo. E lo ha incoraggiato ad andare avanti. Lo ha incoraggiato a non lasciare che le opinioni e le frasi sprezzanti degli altri gli facessero rimpiangere di aver combattuto per ciò che sognava per la sua vita. Dopo un po ‘il giovane partì per il servizio militare e il professor Rossi non lo ritrova, fino a quel momento.

Fu così che, dopo del aperitivo, Martín invitò il suo vecchio professore nel suo dipartimento e anche a visitare e passeggiare per i luoghi turistici di Buenos Aires. Al suo ritorno in provincia, mentre l’autobus si impadroniva dell’autostrada, Roberto rifletteva sull’importanza che doveva seminare – anni fa – in qualcuno che diventava un ottimo professionista. Fu così che poteva vedere come ciò che aveva seminato in passato, avrebbe potuto raccogliere oggi nel momento meno previsto.

Col tempo si vedrà il raccolto

Non stancarti mai di aiutare le persone intorno a te. A volte possiamo dubitare che valesse la pena aiutare qualcuno in passato. Ma non lasciamo che la mente ci giochi brutti scherzi e lascia un’eredità nella vita di un altro. Se vuoi raccogliere cose positive, devi prima seminare qualcosa di buono. Seminiamo qualcosa di buono negli altri.

Stai dando la tua collaborazione a qualcuno? Perfetto Non arrenderti. Vai avanti. Quello che semini oggi, raccoglierai domani.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.